Ivanti
flow-image

L'allarmante crescita del ransomware non mostra segni di inversione di tendenza

Questa risorsa è pubblicata da Ivanti

Non è un segreto che le minacce ransomware siano salite alle stelle, sia in termini di volume che di audacia, durante la pandemia. Gli attori delle minacce hanno sfruttato l'improvvisa transizione al lavoro da remoto e le conseguenti lacune nella sicurezza. Ora che il mondo del lavoro sta iniziando a stabilizzarsi in un luogo di lavoro permanente ovunque, si potrebbe pensare che la tendenza del ransomware inizi a invertirsi: non è così, secondo un nuovo rapporto di Ivanti che illustra le tendenze del ransomware nel primo trimestre del 2022. I risultati sono sconfortanti. Ecco alcuni punti salienti (o, per meglio dire... particolarmente preoccupanti).

Scarica Ora

box-icon-download

*campi obbligatori

Please agree to the conditions

Richiedendo questa risorsa accetti i nostri termini di utilizzo. Tutte le informazioni sono protette dalla nostra Informativa sulla Privacy. In caso di dubbi, si prega di contattare l'indirizzo e-mail dataprotection@headleymedia.com.

Categorie collegate Sicurezza sistema, Simulazione violazioni e attacchi, Deception technology, Tecnologie forensi digitali, Incident Response, Sicurezza IoT, Analisi malware, Rilevamento e risposta gestite, Accesso da remoto protetto OT, Secure Information and Event management (SIEM), Threat intelligence, Gestione delle vulnerabilità, Gestione superficiale attacchi, Gestione patch, Gestione delle vulnerabilità basata sul rischio, Formazione sul codice di sicurezza, Formazione di sensibilizzazione sulla sicurezza, Sicurezza web, Rilevamento e mitigazione bot, Isolamento browser, Monitoraggio dark web, Protezione DDoS, Rilevamento frodi, Gateway web protetto